Crescita clamorosa dalla fine del 2015

 

Zurigo, 4 ottobre 2018 – Nel terzo trimestre del 2018, le imprese svizzere pubblicano il 6 percento in più di posti di lavoro rispetto all’anno scorso. Lo dimostra l’indagine scientifica del mercato del lavoro dell’Adecco Group Swiss Job Market Index e del Servizio di Monitoraggio dell’Università di Zurigo. Questo incremento è da ricondursi sia al forte aumento del numero di occupazioni nell’ambito del management e dell’organizzazione, sia allo sviluppo dinamico del mercato del lavoro nella regione del lago Lemano.

Lo Swiss Job Market Index del Gruppo Adecco relativo al terzo trimestre del 2018 ha visto un incremento del 6 percento rispetto all’autunno dell’anno precedente. In confronto all’ultimo trimestre, l’indice rimane stabile con un rialzo del 2 percento. Depurato dagli effetti stagionali, l’aumento è stato solo dell’1 percento rispetto al trimestre precedente. Nicole Burth, CEO del Gruppo Adecco Switzerland, aggiunge: «Nel complesso, la tendenza positiva osservata dalla fine del 2015 continua».

 

Elevata domanda di personale nel settore dell’organizzazione e del management

Dopo il forte aumento degli ultimi tre trimestri nel numero degli annunci di lavoro per le professioni nell’ambito dell’organizzazione e del management (ad es. specialisti quali responsabili di azienda, di divisione e di progetto), anche nel trimestre attuale la domanda rimane elevata. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, le offerte di lavoro per queste professioni sono aumentate del 25 percento. «Questo dimostra che la Svizzera sta attualmente investendo nell’ambito del management e dell’organizzazione; la ragione potrebbe risiedere nel mondo degli affari sempre più interconnesso e volatile, in cui i processi aziendali sono basati su progetti e, pertanto, è necessario personale qualificato nelle posizioni manageriali e organizzative», spiega Jan Müller del Servizio di Monitoraggio dell’Università di Zurigo. «Poiché i nuovi progetti spesso includono un’importante componente digitale o legata all’automazione, non sorprende che la domanda di personale IT sia contemporaneamente aumentata», aggiunge Nicole Burth. Di conseguenza, anche nelle professioni in ambito informatico (ad es. programmatore, sviluppatore di applicazioni, ingegnere di sistema) si rileva un notevole aumento del numero degli annunci di lavoro (+15%) su base annua. Dall’inizio del 2017, si è registrata una tendenza positiva in queste occupazioni. Un incremento rispetto all’anno precedente si riscontra anche nelle professioni dell’industria e dei trasporti (+12%), riconducibile in parte all’aumento della domanda di manodopera qualificata nell’industria metallurgica ed elettrica. Essendo al 1° posto del Global Innovation Index Ranking¹, la Svizzera è particolarmente innovativa. In Svizzera, il tasso di innovazione è particolarmente elevato nei settori delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché nell’industria meccanica ed elettrica². Le innovazioni ci consentono un vantaggio competitivo a livello internazionale, favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro nelle categorie professionali riguardanti l’informatica e l’industria», aggiunge Nicole Burth.

¹ Cfr. Global Innovation Index (GII) Report all’indirizzo: www.globalinnovationindex.org
² Cfr. rapporto “Ricerca e innovazione in Svizzera”: https://www.sbfi.admin.ch/sbfi/it/home/servizi/pubblicazioni/banca-dati-pubblicazioni/f-i-bericht-2020.html

Regione del lago Lemano: si è raggiunto il picco?

Su base annua, nella regione del lago Lemano si è registrata una crescita superiore alla media del numero dei posti di lavoro disponibili. Nel terzo trimestre del 2018, le aziende di questa regione hanno inserito il 21 percento in più di annunci di lavoro rispetto al terzo trimestre dello scorso anno. Dopo una crescita della domanda di personale superiore alla media per tre trimestri consecutivi, il confronto con il trimestre estivo del 2018 (-1%) mostra tuttavia che, almeno per il momento, questa tendenza non continua. Anche nella Svizzera orientale (+9%) e nell’Espace Mittelland (+8%), il numero degli annunci per posti vacanti è aumentato rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. A titolo comparativo, nelle altre regioni si registrano solo modeste variazioni nel numero degli annunci di lavoro. Nella Svizzera nordoccidentale (+4%), nella Svizzera centrale (+3%) e nel grande agglomerato di Zurigo (+1%), il numero di posti vacanti è stabile.

Nella regione del lago Lemano, la domanda di occupazioni nell’ambito dell’industria e dell’edilizia è particolarmente elevata (+64%) rispetto al trimestre corrispondente dell’anno scorso. Da più di due anni, infatti, assistiamo a un forte aumento nell’ambito di queste categorie professionali. «L’incremento è dovuto in parte a un franco meno forte. Nella regione del lago Lemano, la domanda di personale in questi ambiti ha risentito particolarmente dello choc del franco svizzero del 2015. Con la forte crescita degli ultimi due anni, tuttavia, la domanda di personale nei settori dell’industria e dell’edilizia si è ripresa e l’indice dei posti vacanti ha nuovamente raggiunto un livello simile a quello di altre categorie professionali», aggiunge Jan Müller. Anche le altre categorie professionali nella regione del lago Lemano hanno registrato una maggior crescita: le occupazioni nei settori della tecnologia e dell’informatica (+29%), dei servizi alle imprese (+17%) e dei servizi sociali e alla persona (+10%) hanno visto nel complesso un aumento degli annunci di lavoro.

Nella Svizzera tedesca, la domanda di personale è maggiore nella parte della Svizzera orientale (+9%). «All’inizio del 2016 la Svizzera orientale aveva raggiunto il livello più basso dall’avvio delle rilevazioni comparabili (fine 2014). Da allora, il numero degli annunci per posti vacanti ha recuperato terreno, tornando a un livello simile a quello della fine del 2014», spiega Müller. Nella Svizzera orientale, l’aumento del numero di offerte di lavoro rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente è da attribuirsi principalmente alla crescita della domanda di personale nei settori dei servizi alle imprese (+16%) e della tecnologia e dell’informatica (+12%).

L’importanza della stampa quale canale di pubblicazione è notevolmente diminuita 

In base alle nostre indagini aziendali, attualmente la stampa non svolge più un ruolo di primaria importanza per la pubblicazione di posti di lavoro vacanti. Di conseguenza, dal secondo trimestre del 2018, il numero di annunci diffusi tramite la stampa non è stato incluso nei calcoli del Job-Index.



 

GRAFICO

Evoluzione dell’offerta

d’impiego per professione

 

Evoluzione dell’offerta

d’impiego per macroregione

 

Evoluzione dell’offerta

d’impiego per professione

 

Indice globale e indici

parziali

 

Note sulla raccolta dati: ottimizzazione

In seguito alle revisioni del Job Market Index del Adecco Group, alcune delle cifre incluse nel presente comunicato stampa sono leggermente diverse da quelle pubblicate precedentemente. Le revisioni servono ad adeguare l’indice al mercato del lavoro in continua evoluzione. Riguardano soprattutto l’assegnazione regionale delle inserzioni, l’assegnazione di ciascun titolo professionale alla rispettiva categoria e le inserzioni multiple di annunci di lavoro. Le revisioni dovrebbero ottimizzare l’indice. Tuttavia, le cifre pubblicate in precedenza non perdono in alcun modo la loro validità.