Il mercato del lavoro svizzero: ripresa a livello nazionale da un anno

 

Rimonta senza precedenti delle professioni manageriali*

 

Zurigo, 5 luglio 2018 – Nel secondo trimestre del 2018, le imprese svizzere pubblicano il 6 percento in più di posti di lavoro rispetto all’anno precedente. Lo dimostra l’indagine scientifica del mercato del lavoro dell’Adecco Group “Swiss Job Market Index” e del Servizio di Monitoraggio dell’Università di Zurigo. Un maggior numero di posti vacanti è stato pubblicato soprattutto nel settore dell’informatica, del management e dell’organizzazione. L’incremento è particolarmente pronunciato nella regione del Lago Lemano, con una crescita rilevata in tutte le macroregioni.

L’Adecco Group Swiss Job Market Index relativo al secondo trimestre del 2018 ha visto un incremento del 6 percento rispetto all’estate dell’anno precedente. In confronto all’ultimo trimestre, l’indice è aumentato del 2%. Depurato dagli effetti stagionali, l’incremento è addirittura del 6% rispetto al trimestre precedente. Il trend positivo osservato da oltre un anno non sorprende, considerato l’ottimo sviluppo congiunturale della Svizzera. Nicole Burth, CEO del Gruppo Adecco Switzerland, aggiunge: “La situazione economica, attualmente molto positiva, si riflette anche nel comportamento delle imprese in termini di assunzioni. Al momento si assiste a un’intensa ricerca di nuovo personale. Se le positive proiezioni economiche si riveleranno corrette, prevediamo che i posti vacanti continueranno ad aumentare.”

*Dall’inizio delle rilevazioni comparabili nel 1° trimestre 2012

 
 

La domanda di personale informatico e dirigenziale è in continua crescita 

Come si è visto nell’ultimo trimestre, il numero degli annunci di lavoro è in aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, in particolare nelle professioni informatiche (ad esempio, +24% per gli sviluppatore di applicazioni) e nel settore del management e dell’organizzazione (+23% per i responsabili progetto, i direttori di filiale, gli amministratori delegati, gli specialisti delle risorse umane). “L’ottimizzazione dei processi e l’automazione stanno diventando sempre più importanti per le aziende che vogliono tenere il passo con la concorrenza nazionale e internazionale. Per questo motivo, le imprese sono sempre più alla ricerca di personale qualificato in grado di portare avanti tali ottimizzazioni, a volte molto complesse. Il personale con una valida formazione nei settori dell’informatica, del management e dell’organizzazione è quindi molto richiesto”, afferma Nicole Burth.

Un aumento significativo rispetto all’anno precedente (+13%) si osserva anche nei settori industria e trasporto. Tale incremento è dovuto principalmente alla crescente domanda di lavoratori qualificati in campo industriale con un orientamento tecnico, in particolare specialisti dell’industria metallurgica, meccanica ed elettrica. “La domanda di personale in queste categorie professionali, di particolare rilevanza per i settori orientati alle esportazioni, è in aumento da oltre due anni. Tuttavia, non abbiamo ancora raggiunto il livello precedente allo choc del franco del 2014”, aggiunge la Burth.

 

Continua senza sosta la ripresa nella regione del Lago Lemano 

Per il terzo trimestre consecutivo, il numero di offerte di lavoro è più elevato nella regione del Lago Lemano rispetto alle altre macroregioni. La domanda sta attualmente aumentando di un ulteriore 7 percento in confronto al trimestre precedente. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, gli annunci di lavoro nella regione del Lago Lemano sono addirittura aumentati del 20%. In ogni caso, si osserva un incremento del numero di offerte di impiego anche nelle altre regioni rispetto al secondo trimestre dell’anno precedente. In particolare, il numero dei posti di lavoro disponibili è aumentato nel grande agglomerato di Zurigo (+6%), ma anche nella Svizzera orientale (+3%), nell’Espace Mittelland (+4%), nella Svizzera nord-occidentale (+5%) e nella Svizzera centrale (+5%).

Nella regione del Lago Lemano, soprattutto i settori edile e industriale hanno visto un incremento della domanda rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (+48%). In particolare, il numero di posti di lavoro nelle professioni industriali è fortemente aumentato (ad esempio nel settore metalmeccanico e della lavorazione dei metalli). Anche le altre categorie professionali nella regione del Lago Lemano hanno registrato una crescita superiore alla media. La domanda di personale è aumentata sia nelle occupazioni tecniche che in quelle informatiche (+34%), nonché nei servizi alla persona e sociali (+23%) e nei servizi alle imprese (+11%). “Già dall’inizio del 2016 assistiamo a questo sviluppo estremamente positivo degli annunci di lavoro nella regione del Lago Lemano. Grazie al suo orientamento internazionale, la regione beneficia in misura superiore alla media del miglioramento dell’economia estera. Inoltre, ospitando il Politecnico federale di Losanna, la regione del Lago Lemano è particolarmente attraente come sede di formazione e svolge un ruolo di spicco nei settori orientati al futuro quali le tecnologie dell’informazione e della comunicazione e le scienze della vita. Questo non può che favorire la creazione di nuovi posti di lavoro!”, aggiunge Jan Müller del Servizio di Monitoraggio dell’Università di Zurigo.

Nella Svizzera tedesca la crescita più elevata è stata registrata nel grande agglomerato di Zurigo (+6%). Tale incremento è particolarmente significativo per il mercato del lavoro svizzero nel suo insieme, in quanto attualmente quasi un terzo di tutte le offerte di lavoro è pubblicato nel grande agglomerato di Zurigo. Questo trend positivo è determinato da una crescita della domanda di personale ampiamente sostenuta in diversi gruppi occupazionali, di cui hanno beneficiato le categorie professionali dell’industria e dell’edilizia, così come le professioni nei settori dei servizi alle imprese, dei servizi alla persona e sociali, della tecnologia e dell’informatica.

L’importanza della stampa quale canale di pubblicazione è notevolmente diminuita 

In base alle nostre indagini aziendali, attualmente la stampa non svolge più un ruolo di primaria importanza per la pubblicazione di posti di lavoro vacanti. Di conseguenza, dal secondo trimestre del 2018, il numero di annunci diffusi tramite la stampa non è stato incluso nei calcoli del Job-Index.



 

GRAFICO

Evoluzione dell’offerta

d’impiego per professione

Evoluzione dell’offerta

d’impiego per macroregione

Evoluzione dell’offerta

d’impiego per professione

Indice globale e indici

parziali

 

Note sulla raccolta dati: ottimizzazione 

In seguito alle revisioni del primo trimestre 2018 del Job Market Index di Adecco Group, alcune delle cifre incluse nel presente comunicato stampa sono leggermente diverse da quelle pubblicate nel primo trimestre del 2018. Le revisioni servono ad adeguare l’indice al mercato del lavoro in continua evoluzione. Riguardano soprattutto l’assegnazione di ciascun titolo professionale alla rispettiva categoria e l’inserimento multiplo di annunci di lavoro. Le revisioni dovrebbero ottimizzare l’indice. Tuttavia, le cifre pubblicate in precedenza non perdono in alcun modo la loro validità.